giovedì 23 Maggio 2024
HomeIn primo pianoPNRR, l'allarme di Federcepicostruzioni: da spendere il 78% delle risorse

PNRR, l’allarme di Federcepicostruzioni: da spendere il 78% delle risorse

Un dato allarmante emerge da tutti i monitoraggi effettuati sulla spesa del Pnrr: l’Italia continua ad accumulare forti ritardi negli investimenti; a “rinviare” piani accentrandone la scadenza verso la fine del programma; a trascurare le problematiche che incidono sull’ingolfamento delle procedure.
“Il quadro che si evince da tutte le più recenti rilevazioni – sottolinea il presidente nazionale di Federcepicostruzioni, Antonio Lombardi – è molto preoccupante, nonostante la lacunosità delle informazioni. Sullo stato di avanzamento dei progetti finanziati dal Pnrr si continuano a raccogliere informazioni imprecise e frammentarie, ma da tutte appare con evidenza il filo conduttore dei ritardi che continuano ad accumularsi: lo si ricava dai periodici monitoraggi di Openpolis, dalle relazioni del Governo al Parlamento sullo stato di attuazione del Piano, e da ultimo anche dal Rapporto presentato dal Servizio Ricerche del Parlamento europeo”.
Le informazioni sono ferme al 31 dicembre scorso e spesso non tengono neppure conto della revisione del Piano: appare tuttavia con evidenza che le risorse ancora da spendere da qui alla fine del 2026 dovrebbero ammontare (il condizionale è d’obbligo) a 151,4 miliardi di euro (tenendo ovviamente conto del piano di revisione).
“Si tratta di un dato molto preoccupante – aggiunge il presidente Lombardi – se si considera che il PNRR rivisto e rimodulato prevede investimenti complessivi per 194,4 miliardi. Vale a dire che, stando in particolare agli studi di Openpolis, il 78% circa delle risorse deve ancora essere speso”.
La relazione del governo e il Rapporto del Servizio Ricerche del Parlamento europeo forniscono alcuni elementi sui fondi già erogati, sempre però con dati al 31 dicembre 2023: sommando la spesa sostenuta dalle diverse amministrazioni titolari, risultano infatti già erogati circa 43 miliardi di euro. Questo significa che, appunto, rimangono da spendere nei prossimi 3 anni 151,4 miliardi: più del triplo di quanto fatto finora.
Openpolis ha incrociato i dati sulla spesa sostenuta finora con i nuovi importi assegnati a ogni amministrazione titolare alla luce della revisione del Pnrr: a livello percentuale si osserva che ci sono ben 12 strutture che devono ancora erogare più del 90% delle risorse. Oltre al Commissariato per la ricostruzione post-terremoto, si tratta dei ministeri del lavoro, degli affari regionali, delle pari opportunità e famiglia, del turismo, dell’agricoltura, della cultura, della salute, dello sport, delle politiche di coesione, della pubblica amministrazione e dell’interno.
In valori assoluti invece è il ministero delle infrastrutture il soggetto più indietro con oltre 33,8 miliardi di euro ancora da spendere. “Questo – chiarisce Openpolis – può essere spiegato con il fatto che molti dei cantieri relativi a grandi opere non sono ancora partiti o risultano comunque nelle loro prime fasi. Senza dimenticare ovviamente che la struttura che fa capo a Matteo Salvini è anche quella a cui è attribuita la quota più alta di fondi. Tra i ministeri con le uscite ancora da effettuare più consistenti troviamo poi quelli dell’ambiente (19,7 miliardi), delle imprese (15,1 miliardi), della salute (15 miliardi) e dell’istruzione (14 miliardi)”.
“La velocizzazione degli iter procedurali – è la conclusione del presidente Antonio Lombardi – passa imprescindibilmente per un programma organico di semplificazione, sburocratizzazione e di complessivo efficientamento della macchina amministrativa. Il Pnrr sconta difficoltà ataviche e storiche, cui tocca metter seriamente e urgentemente mano, per evitare il riproporsi delle medesime problematiche e delle medesime difficoltà, per ogni programma di investimenti. Il Pnrr è un’occasione più unica che rara: è tempo che la politica dimostri volontà ed efficacia nel risolvere i problemi veri del Paese. Senza differimenti e rinvii”.
Roma/Salerno, 22 aprile 2024

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments