“Quartieri degli artisti” nelle aree urbane abbandonate, l’idea del Ddl turismo

0
280

Il Ddl Turismo, il disegno di legge per lo sviluppo del turismo e le imprese culturali e creative collegato alla Legge di Bilancio 2020, prevede la possivilità per gli enti locali di cedere immobili pubblici inutilizzati a chi si impegna a riqualificarli, per rivitalizzare le imprese creative e le attività commerciali.
Il ddl prevede che i comuni con popolazione superiore a 100 mila abitanti possano individuare, nel rispetto dei rispettivi strumenti urbanistici, zone franche urbane, di superficie non superiore a 100 mila mq, denominate “Quartieri degli artisti”, anche comprensive di immobili pubblici inutilizzati da riconvertire. Lo scopo è migliorare il decoro delle città e di prevenire e contrastare fenomeni di degrado urbano e disagio sociale.
Le imprese culturali e creative che iniziano un’attività economica o si trasferiscono nelle zone franche urbane, potranno beneficiare di:
– esenzione dalle imposte sui redditi, per i primi cinque periodi di imposta,
– esenzione dall’imposta regionale sulle attività produttive,
– esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali, con esclusione dei premi per l’assicurazione obbligatoria infortunistica, a carico dei datori di lavoro, sulle retribuzioni da lavoro dipendente.
Il provvedimento propone la possibilità per gli esercenti di attività commerciali, che operano nei Comuni con popolazione inferiore ai 1000 abitanti, situati nelle aree interne, di ricevere in comodato beni immobili di proprietà dello Stato, delle Regioni, delle Province autonome e degli Enti locali, non utilizzati per fini istituzionali.
È previsto un comodato con durata massima di 10 anni, nel corso dei quali il comodatario ha l’onere di effettuare sull’immobile, a proprie cura e spese, gli interventi di manutenzione e gli altri interventi necessari a mantenere la funzionalità dell’immobile
Immobili pubblici per attività culturali e creative
Per lo svolgimento delle attività culturali e creative, Regioni, Province autonome, enti locali ed altri enti pubblici il provvedimento prevde di concedere a titolo gratuito (per massimo 10 anni) beni immobili di loro proprietà, in stato di abbandono o di grave sottoutilizzazione da almeno tre anni.
Il concessionario avrebbe, però, l’onere di effettuare a proprie cura e spese, gli interventi di manutenzione e gli altri interventi necessari a mantenere la funzionalità dell’immobile.
Inoltre, gli enti locali potranno dare in concessione o in locazione i beni immobili di loro proprietà che richiedono interventi di restauro, con pagamento di un canone agevolato, determinato dalle amministrazioni interessate, ai fini della riqualificazione e riconversione dei beni tramite interventi di recupero, restauro, ristrutturazione a spese del concessionario, anche con nuove destinazioni d’uso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here