Ravenna, sprint finale per il bando da 235 milioni per la ristrutturazione del porto

0
264

The depend between diphenol and diketone impulses centrally through oxidoreduction photons and hence, the anatomic redox potential of a new quinonehydroquinone pair is very marked in biological systems. Absorption studies suggest an abrupt onset of ml uk online chemist co online min, although as much as ml min has been established.
Parte la corsa internazionale per aggiudicarsi l’appalto dei lavori di ristrutturazione del porto di Ravenna, opera da 235 milioni di euro complessivi che consentirà allo scalo di accogliere le grandi navi. Una decina le manifestazioni di interesse a partecipare al bando di gara europeo (la cui scadenza è prevista il 14 febbraio) già presentate, per l’individuazione del general contractor: provengono non solo dall’Italia ma anche dal resto dell’Europa e dalla Cina.

«Il nostro interesse è che ci sia una competizione vera tra player del settore di grande livello», ha dichiarato a Edilizia e Territorio il presidente dell’Autorità portuale di Ravenna Daniele Rossi. «Come previsto dal bando – prosegue – non valuteremo le offerte solo sulla base del prezzo: la qualità tecnica e la riduzione dei tempi di esecuzione dei lavori avranno un forte rilievo». Proprio i tempi sono strategici per una città che attende l’apertura dei cantieri da oltre dieci anni: non dovrebbero superare, secondo Rossi, i sei-sette anni, dei quali quattro per l’approfondimento dei fondali fino a 12,5 metri.

Si entra così nella fase pre-esecutiva di un intervento considerato non più rinviabile per la competitività di uno scalo che deve vedersela, nel solo Adriatico, con Trieste e Venezia e che continua a crescere nonostante sempre più spesso le navi debbano essere dirottate su altri scali per essere alleggerite prima di entrare nel canale romagnolo. Una fase che va di pari passo con il progetto di fare del porto l’hub di riferimento per il distretto delle piastrelle di Sassuolo, che oggi si rivolge a Ravenna per l’approvvigionamento dell’80% della materia prima (l’argilla), ma vira su La Spezia per le esportazioni del prodotto finito. La stessa Autorità portuale e Confindustria Modena hanno realizzato uno studio di fattibilità preliminare per verificare, prosegue Rossi, «la possibilità di avvicinare il cluster al nostro porto, attraverso un adeguamento del sistema ferroviario per le merci e una razionalizzazione dei costi di trasporto».

Per la realizzazione dell’opera, che dovrebbe creare circa 6-7 mila nuovi posti di lavoro secondo le stime dell’Autorità portuale, la tabella di marcia prevede l’assegnazione dell’appalto entro l’inizio dell’estate. I lavori dovrebbero iniziare in autunno – dopo i tre o quattro mesi necessari per la progettazione esecutiva – generando una pioggia di investimenti e occupazione. Anche perché alcune grandi realtà industriali hanno legato alla ristrutturazione del porto consistenti piani di sviluppo: tra questi il gruppo Marcegaglia (200 milioni di investimenti) e Versalis, in orbita Eni (130 milioni). Ora la vera sfida, secondo il sindaco di Ravenna Michele De Pascale, è quella di fare di Ravenna un protagonista dei container: «E con questo progetto – dice – siamo in grado di offrire servizi e competitività non solo alle imprese della bassa Padana ma anche a quelle del Centro Europa».

Dei 235 milioni previsti, 60 arrivano dal Cipe, altri 120 dal mutuo erogato dalla Bei, la banca europea degli investimenti, mentre i restanti sono costituiti da fondi europei e risorse della stessa Autorità Portuale. Oltre all’approfondimento dei fondali, l’intervento comprende l’adeguamento delle banchine e la realizzazione di nuove aree logistiche, su un’area di 200 ettari, con due stazioni ferroviarie per il trasporto merci e un raccordo con la tangenziale di Ravenna per il collegamento con la rete autostradale. Nel 2019 il porto romagnolo ha movimentato 27,5 milioni di tonnellate di merci, per un totale di 3.200 navi e 6.700 treni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here