venerdì 19 Aprile 2024
HomeIn primo pianoPor 2014-2020, 17 miliardi ancora da spendere. 1,2 in Campania

Por 2014-2020, 17 miliardi ancora da spendere. 1,2 in Campania

A quattro anni dalla scadenza originaria dei Programmi 2020, poi slittata al 2025) e a poco più di un anno dalla scadenza definitiva e improrogabile, l’Italia ha ancora 17 miliardi da spendere per Programmi Operativi Regionali 2014-2020, pari a 64,3 miliardi (di cui 14,4 di React-EU aggiunti nel 2020).
I pagamenti al 31 dicembre dello scorso anno sono fermi al 74,2% (47,7 miliardi).
È quanto si evince dall’ultimo bollettino statistico della Ragioneria Generale dello Stato, aggiornato appunto al 31 dicembre 2024: le Regioni italiane hanno dimostrato maggiore efficienza nell’utilizzo dei fondi strutturali europei, superando i ministeri con un divario del 16,73%.
Con l’82,43% di pagamenti già effettuati rispetto al totale dei fondi assegnati – scrive Il Sole 24 Ore – le Regioni hanno messo in luce una gestione più efficiente rispetto ai ministeri, fermi al 65,7%. Questo dato evidenzia un cambiamento significativo rispetto alla percezione comune riguardante la velocità di utilizzo delle risorse comunitarie e nazionali.
Tuttavia, ancora una volta, queste disponibilità finanziarie si scontrano con le capacità di gestione e di spesa di alcune amministrazioni.
In Campania i pagamenti sono fermi al 74,3% (3,6 miliardi sui 4,8 disponibili): finanche la Puglia recupera lo storico “gap” di efficienza, raggiungendo il 97,8% (restano da spendere un centinaio di milioni di euro dei 4,4 miliardi disponibili).
“Soprattutto a livello centrale – commenta il presidente nazionale di Federcepicostruzioni, Antonio Lombardi – e quindi nelle misure di diretta gestione ministeriale, permangono dei ritardi gravi sia nell’attuazione dei programmi, sia nella spesa. Le regioni hanno dimostrato una maggiore efficienza in qualche caso, come per l’Emilia-Romagna e il Friuli Venezia-Giulia, andando in overbooking. Altre (Puglia, Toscana, Valle d’Aosta e Provincia di Bolzano) assestandosi su percentuali molto vicine al 100%. Ma per il resto, soprattutto nel Mezzogiorno, permangono ritardi ed urgono interventi di accelerazione che scongiurino il rischio sempre più incombente di una revoca dei finanziamenti”.
Abruzzo, Molise, Calabria e Sicilia le regioni più indietro, con una percentuale dei pagamenti (sempre al 31 dicembre dello scorso anno) che oscilla tra il 62 e il 70%.
C’è tempo fino al 2025 per completare i pagamenti, grazie alla recente proroga inserita nel regolamento Step. “Ma è importante – aggiunge il presidente Lombardi – anche nell’ottica di un sollecito utilizzo di altre risorse, a partire dal Pnrr, che si individuino i punti di stallo o di intoppo, si provveda a rimuoverli e si avvii un serio, organico e strutturale programma di semplificazione e sburocratizzazione”.
La situazione è più preoccupante per i programmi dei ministeri (Pon), sebbene gli impegni complessivi siano oltre la soglia del 100%. La spesa effettiva infatti è sensibilmente inferiore. “Il programma Politiche attive per l’occupazione – commenta il presidente Lombardi – risulta addirittura quello più indietro, con il 36,7% di pagamenti effettuati, nonostante la quasi quadruplicazione della dote finanziaria da parte di React-Eu”.
Ritardi si registrano anche per il Pon Infrastrutture e reti.
“Occorre una urgente e attenta valutazione e gestione dei fondi – conclude il presidente Antonio Lombardi – e una intensificazione degli sforzi per migliorare l’efficienza e l’efficacia nell’utilizzo delle risorse europee e nazionali”.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments