martedì 31 Gennaio 2023
HomeNormative tecnicheLa Cassazione: chi acquista crediti inesistenti non è estraneo al reato

La Cassazione: chi acquista crediti inesistenti non è estraneo al reato

Il cessionario che lucra un vantaggio consistente dall’operazione di cessione dei crediti legati ai bonus dell’edilizia, non può essere qualificato – ai fini del del sequestro e della successiva confisca – come persona “estranea al reato”, proprio perché trae vantaggio dall’altrui attività criminosa. Anzi, sussiste, in una simile evenienza, un collegamento tra la posizione del terzo e la commissione del fatto-reato.

Lo ha affermato la terza sezione penale della Corte di cassazione in una sentenza – la n. 45558 del 1 dicembre 2022 – assai rilevante in tema di cessione dei crediti edilizi.

“La giurisprudenza di questa Corte”, si legge nella sentenza, “è stabile nell’affermare il principio secondo cui in tema di confisca, rientra nella nozione di “persona estranea al reato”, in danno della quale non possono essere confiscate cose o beni ad essa appartenenti ai sensi dell’art. 240, comma terzo, cod. pen., richiamato dall’ultimo comma dell’art. 2641 cod. civ., il soggetto che non ha concorso alla commissione del reato, né ha tratto vantaggio dall’altrui attività criminosa, serbando una condotta in buona fede.

Questa stessa Sezione, del resto, ha aderito al predetto orientamento ribadendo che, in tema di sequestro preventivo ai fini di confisca, è persona estranea al reato – nei cui confronti non può essere disposta la misura di sicurezza in esame, ai sensi dei commi 2 e 3 dell’art. 240 cod. pen. – il soggetto che non abbia ricavato vantaggi ed utilità dal reato e che sia in buona fede, non potendo conoscere – con l’uso della diligenza richiesta dalla situazione concreta – l’utilizzo del bene per fini illeciti”.

“Nella disciplina del Decreto Rilancio”, osserva la suprema Corte, “il cessionario dei crediti di imposta che provveda alla monetizzazione del credito al cedente, anzitutto consegue indubbiamente un vantaggio economico dalla cessione del credito di imposta. Ed infatti, i crediti vengono ceduti ad un valore inferiore rispetto al valore nominale, e ciò determina un indubbio utile in capo al cessionario, atteso che quest’ultimo “acquista” il credito di imposta, monetizzandolo al cedente, ad un valore notevolmente inferiore rispetto a quello nominale del credito ceduto, realizzando così un utile sui singoli crediti acquistati”.

Pertanto, “proprio alla luce di tali considerazioni, è indubbio che la posizione del cessionario che lucra un vantaggio consistente dall’operazione di cessione, in applicazione del principio fissato dalle Sezioni Unite, sia quella di un soggetto difficilmente qualificabile – agli effetti del sequestro e della successiva confisca – come persona “estranea al reato”, proprio perché il cessionario del credito di imposta trae vantaggio dall’altrui attività criminosa, dovendo, anzi, riconoscersi la sussistenza, in una simile evenienza, di un collegamento tra la posizione del terzo e la commissione del fatto-reato”, conclude la Cassazione.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments