mercoledì 8 Dicembre 2021
HomeLavoroCostruzioni, effetto "bonus": in due anni +30mila imprese

Costruzioni, effetto “bonus”: in due anni +30mila imprese

Il terzo trimestre dell’anno si chiude con un altro segno positivo all’anagrafe delle imprese: grazie anche all’impatto dei bonus e superbonus nel comparto dell’edilizia – che negli ultimi due anni ha visto crescere il numero di imprese di quasi 30mila unità, 6mila delle quali nel solo trimestre luglio-settembre di quest’anno – il saldo tra aperture e chiusure nel terzo trimestre 2021 si attesta al di sopra di quota 20mila imprese (per l’esattezza 22.258), una soglia superata solo due volte nei trimestri estivi del decenno pre-pandemico. A spingere sulla vitalità del sistema imprenditoriale nel trimestre da poco concluso sono state le costruzioni che, con 6.200 imprese in più (+0,95% rispetto a fine giugno), hanno contribuito per il 28% al bilancio positivo del periodo.

Sul buon andamento del saldo si riflette, tuttavia, il perdurare della frenata impressa dal Covid alle chiusure di imprese: 40.133 quelle complessivamente registrate fra luglio e settembre, il dato più basso nella serie degli ultimi dieci anni. La tenuta delle iscrizioni (62.391) ha comunque consentito di registrare a fine settembre un saldo di 22.258 imprese in più rispetto alla fine di giugno, portando lo stock delle imprese a raggiungere il valore di 6.166.416 unità.

 

E’ quanto emerge dall’analisi trimestrale Movimprese, condotta da Unioncamere e InfoCamere, sui dati del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio.

 

Il ruolo trainante delle costruzioni per la tenuta del tessuto imprenditoriale – accanto a quello dei servizi, componente essenziale per rispondere all’emergenza pandemica – si avverte distintamente osservando l’andamento del tasso di crescita trimestrale per macro-settori a cavallo degli ultimi due anni. Tra settembre 2019 e settembre 2021 il comparto edile è cresciuto complessivamente di 29.136 unità (+3,5%), secondo solo all’espansione dei servizi a imprese e persone (83mila imprese in più per una crescita complessiva, nel biennio, del 4,2%). A livello territoriale, la dinamica delle costruzioni appare più forte in Campania dove la crescita cumulata del numero di imprese, negli ultimi due anni, è stata del 7% (corrispondente a 4.907 imprese in più). In valore assoluto, l’incremento più elevato è invece appannaggio del Lazio che, con un saldo nei due anni di 5.103 unità, ha messo a segno una crescita cumulata del 5,8%. Sempre in termini percentuali, dopo Campania e Lazio si collocano tre regioni del Mezzogiorno: la Sicilia (+5,3%), la Puglia (+4,8%) e la Sardegna (4%%). Uno degli elementi significativi della crescita del comparto edile viene dalla struttura organizzativa scelta dalle nuove imprese. Il 70% del saldo nei due anni (20.504 unità) è infatti costituito da società di capitali, per una crescita nel periodo dell’8,5%. In diminuzione le società di persone (-4.174) e le cooperative (-163), mentre resta positivo (+12.969 unità) il contributo dell’imprenditoria individuale.

 

 

VARIAZIONI % DEI PRINCIPALI SETTORI DI ATTIVITA’ PER TRIMESTRE

Anni 2019-2021

 

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

 

FOCUS SUL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

Tab. 1  – Le 20 regioni italiane per variazioni assolute dello stock di imprese nel periodo 2019-2021

 

SETTORE COSTRUZIONI

 

Imprese Registrate al 30 settembre 2021 Variazione assoluta periodo 2019-2021* Variazione % periodo

2019-2021

LAZIO 90.385 5.103 5,79%
CAMPANIA 75.024 4.907 6,96%
LOMBARDIA 147.411 4.493 3,09%
SICILIA 51.727 2.611 5,31%
PUGLIA 45.506 2.102 4,80%
PIEMONTE 64.769 1.911 3,01%
EMILIA ROMAGNA 72.086 1.591 2,24%
VENETO 68.191 1.063 1,56%
TOSCANA 58.383 1.014 1,70%
SARDEGNA 22.812 890 3,97%
CALABRIA 22.035 779 3,65%
LIGURIA 29.736 731 2,50%
TRENTINO – ALTO ADIGE 14.634 531 3,74%
ABRUZZO 19.478 384 1,99%
FRIULI-VENEZIA GIULIA 15.167 306 2,02%
UMBRIA 12.496 209 1,69%
MARCHE 22.091 191 0,86%
BASILICATA 6.874 165 2,43%
MOLISE 4.151 91 2,19%
VALLE D’AOSTA 2.380 64 2,68%
ITALIA 845.336 29.136 3,52%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

(*) Al netto delle cancellazioni d’ufficio

 

Tab. 2 – Le forme giuridiche e le variazioni % dello stock nel periodo 2019-2021

 

 

SETTORE COSTRUZIONI

 

Imprese Registrate al 30 settembre 2021 Variazione assoluta periodo 2019-2021* Variazione % periodo

2019-2021

SOCIETA’ DI CAPITALE 256.811 20.504 8,53%
SOCIETA’ DI PERSONE 87.390 -4.174 -4,53%
IMPRESE INDIVIDUALI 471.736 12.969 2,78%
ALTRE FORME 29.399 -163 -0,54%
TOTALE 845.336 29.136 3,52%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

(*) Al netto delle cancellazioni d’ufficio

 

* * *

 

LE PRINCIPALI EVIDENZE DEL III TRIMESTRE 2021

 

Detto del contributo del settore edile alla ripresa della vitalità imprenditoriale cui stiamo assistendo, i dati del III trimestre del 2021 certificano un generale miglioramento delle dinamiche rispetto allo stesso periodo del 2019 (riferimento temporale che Movimprese continua a mantenere per evitare confronti con il periodo di maggiore distorsione nei dati causato dall’emergenza sanitaria).

 

In termini relativi, la crescita del trimestre fa registrare un +0,36% a fronte dello 0,23 del luglio-settembre 2019, un miglioramento che si riscontra per tutte le macro aree geografiche del paese. A livello di regioni, solo in quattro (Trentino Alto-Adige, Umbria, Molise e Basilicata) non riescono a far meglio di due anni fa, con Lazio e Campania (rispettivamente +0,49 e +0,46%) a fare da battistrada a tutte le altre.

 

Tra i settori, a spiccare per dinamismo nel trimestre estivo è stato quello delle attività professionali, tecniche e scientifiche (+1,16% corrispondente ad un saldo di 2.649 imprese in più). Come riflesso della ripartenza di tante attività legate alla dimensione sociale – e della voglia degli italiani di mettersi alle spalle i giorni del lockdown – si segnala anche il dato delle attività artistiche, sportive e di intrattenimento, cresciute in estate dell’1,02% (819 unità). Istruzione (+0,95%), attività finanziarie e assicurative (+0,89%) e servizi alle imprese (+0,85%) gli altri settori in evidenza per dinamismo. In termini assoluti, invece, dopo le costruzioni (come detto con 6.196 imprese in più) troviamo le attività di alloggio e ristorazione (+3.141), il commercio (+2.923) e le attività professionali, scientifiche e tecniche (+2.649).

Tutti i dati sono disponibili all’indirizzo www.infocamere.it/Movimprese

  

MOVIMPRESE III TRIMESTRE 2021 – RIEPILOGHI

iscrizioni e cessazioni nel iii trimestre – totale imprese

Anni 2010-2021

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

 

Tab. 3 – Nati-mortalità per regioni e aree geografiche – Valori assoluti e tassi di crescita % rispetto al 30 giugno 2021

REGIONI E AREE GEOGRAFICHE Iscrizioni Cessazioni Saldo trimestrale Imprese registrate al 30.09.2021 Tasso di crescita III trim 2021 Tasso di crescita III trim 2019
PIEMONTE 4.620 3.211 1.409 429.907 0,33 0,13
VALLE D’AOSTA 107 63 44 12.286 0,36 0,31
LOMBARDIA 10.632 6.833 3.799 959.861 0,40 0,24
TRENTINO – A. A. 1.140 691 449 111.398 0,40 0,46
VENETO 4.716 3.270 1.446 481.251 0,30 0,22
FRIULI – V. G. 961 714 247 100.935 0,25 0,05
LIGURIA 1.597 1.149 448 162.634 0,28 0,13
EMILIA ROMAGNA 4.521 3.191 1.330 451.740 0,29 0,17
TOSCANA 4.120 3.207 913 409.304 0,22 0,13
UMBRIA 787 586 201 94.730 0,21 0,22
MARCHE 1.586 1.134 452 166.371 0,27 0,19
LAZIO 7.089 3.901 3.188 651.922 0,49 0,35
ABRUZZO 1.356 855 501 149.666 0,34 0,23
MOLISE 329 241 88 34.963 0,25 0,25
CAMPANIA 6.504 3.721 2.783 611.289 0,46 0,25
PUGLIA 3.872 2.201 1.671 387.658 0,43 0,30
BASILICATA 526 375 151 60.833 0,25 0,26
CALABRIA 1.730 1.049 681 190.679 0,36 0,22
SICILIA 4.560 2.848 1.712 477.439 0,36 0,23
SARDEGNA 1.638 893 745 171.550 0,44 0,20
             
NORD-OVEST  16.956  11.256 5.700  1.564.688 0,37 0,20
NORD-EST  11.338  7.866 3.472  1.145.324 0,30 0,21
CENTRO  13.582  8.828 4.754  1.322.327 0,36 0,25
SUD E ISOLE  20.515  12.183 8.332  2.084.077 0,40 0,25
ITALIA  62.391  40.133 22.258  6.116.416 0,36 0,23

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

 

Tab. 4 – Nati-mortalità delle imprese per i principali settori di attività – III trimestre 2021

Valori assoluti e variazioni % dello stock di imprese rispetto al 30 giugno 2021 (per entità del saldo trimestrale)

 

TOTALE IMPRESE

SETTORI DI ATTIVITA’ Imprese registrate al 30.09.2021 Saldo trimestrale Variazione %

III trim 2021

Variazione%

III trim 2019

Costruzioni 845.336 6.196 0,74% 0,30%
Attività dei servizi alloggio e ristorazione 465.625 3.141 0,68% 0,78%
Commercio 1.494.954 2.923 0,20% -0,01%
Attività professionali, scientifiche e tecniche 231.193 2.649 1,16% 0,91%
Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese 215.674 1.813 0,85% 0,78%
Attivita’ immobiliari 300.122 1.753 0,59% 0,48%
Attività finanziarie e assicurative 132.941 1.173 0,89% 0,47%
Altre attività di servizi 250.170 1.161 0,47% 0,51%
Servizi di informazione e comunicazione 142.740 1.100 0,78% 0,57%
Attività artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento 80.759 819 1,02% 0,72%
Agricoltura, silvicoltura pesca 735.481 616 0,08% 0,01%
Attività manifatturiere 545.615 549 0,10% 0,00%
Trasporto e magazzinaggio 166.691 502 0,30% 0,14%
Sanita’ e assistenza sociale 46.107 326 0,71% 0,82%
Istruzione 33.206 314 0,95% 0,79%
Fornitura di energia elettrica, gas, vapore, aria condizionata 13.571 63 0,47% 0,93%
Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione rifiuti 11.823 27 0,23% 0,08%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

 

 

Tab. 5 – Nati-mortalità delle imprese per classi di natura giuridica – III trimestre 2021

Valori assoluti e tassi di crescita rispetto al 30 giugno 2021

FORME GIURIDICHE Iscrizioni Cessazioni Saldo trimestrale Imprese registrate al 30.09.2021 Tasso di crescita III trim 2021 Tasso di crescita III trim 2019
Società di capitali 20.441 7.060 13.381 1.836.447 0,73 0,72
Società di persone 2.974 3.659 -685 935.948 -0,07 -0,18
Ditte individuali 37.811 28.657 9.154 3.134.972 0,29 0,09
Altre forme 1.165 757 408 209.049 0,20 0,12
TOTALE 62.391 40.133 22.258 6.116.416 0,36 0,23

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

 

TOTALE IMPRESE – III trimestre 2021

Iscrizioni, cessazioni, saldi e tassi di crescita trimestrali per province

Valori assoluti e tassi di crescita % rispetto al 30 giugno 2021

 

PROVINCE Iscrizioni Cessazioni Saldo trimestrale Tasso di crescita trimestrale   PROVINCE Iscrizioni Cessazioni Saldo trimestrale Tasso di crescita trimestrale
AGRIGENTO 379 233 146 0,36%   MESSINA 576 389 187 0,30%
ALESSANDRIA 395 291 104 0,25%   MILANO 4.734 2.672 2.062 0,54%
ANCONA 463 340 123 0,28%   MODENA 771 497 274 0,38%
AOSTA 107 63 44 0,36%   MONZA 781 557 224 0,30%
AREZZO 343 242 101 0,27%   NAPOLI 3.458 1.800 1.658 0,53%
ASCOLI PICENO 215 165 50 0,20%   NOVARA 308 236 72 0,24%
ASTI 225 183 42 0,18%   NUORO 249 179 70 0,23%
AVELLINO 406 291 115 0,26%   ORISTANO 139 80 59 0,41%
BARI 1393 787 606 0,41%   PADOVA 978 586 392 0,41%
BELLUNO 128 90 38 0,25%   PALERMO 884 517 367 0,37%
BENEVENTO 328 190 138 0,39%   PARMA 463 263 200 0,44%
BERGAMO 1016 733 283 0,30%   PAVIA 464 367 97 0,21%
BIELLA 151 115 36 0,21%   PERUGIA 563 453 110 0,15%
BOLOGNA 902 655 247 0,26%   PESARO E URBINO 357 253 104 0,27%
BOLZANO – BOZEN 638 380 258 0,43%   PESCARA 377 228 149 0,40%
BRESCIA 1279 809 470 0,40%   PIACENZA 271 198 73 0,25%
BRINDISI 365 198 167 0,44%   PISA 453 296 157 0,36%
CAGLIARI 693 379 314 0,44%   PISTOIA 349 217 132 0,40%
CALTANISSETTA 251 131 120 0,47%   PORDENONE 228 162 66 0,25%
CAMPOBASSO 223 171 52 0,20%   POTENZA 341 274 67 0,17%
CASERTA 1132 743 389 0,40%   PRATO 563 402 161 0,49%
CATANIA 1262 820 442 0,42%   RAGUSA 332 170 162 0,43%
CATANZARO 320 186 134 0,39%   RAVENNA 349 306 43 0,11%
CHIETI 419 249 170 0,38%   REGGIO CALABRIA 473 275 198 0,37%
COMO 510 344 166 0,34%   REGGIO EMILIA 621 432 189 0,35%
COSENZA 600 384 216 0,31%   RIETI 176 105 71 0,45%
CREMONA 251 204 47 0,16%   RIMINI 420 271 149 0,37%
CROTONE 189 107 82 0,45%   ROMA 5.500 2.906 2594 0,53%
CUNEO 606 443 163 0,25%   ROVIGO 258 210 48 0,18%
ENNA 96 86 10 0,07%   SALERNO 1180 697 483 0,40%
FERMO 196 146 50 0,24%   SASSARI 557 255 302 0,54%
FERRARA 335 247 88 0,26%   SAVONA 306 211 95 0,32%
FIRENZE 1054 728 326 0,31%   SIENA 198 186 12 0,04%
FOGGIA 763 439 324 0,44%   SIRACUSA 349 220 129 0,33%
FORLI’ – CESENA 389 322 67 0,16%   SONDRIO 106 80 26 0,18%
FROSINONE 457 270 187 0,38%   TARANTO 492 297 195 0,38%
GENOVA 806 607 199 0,23%   TERAMO 298 192 106 0,29%
GORIZIA 93 86 7 0,07%   TERNI 224 133 91 0,41%
GROSSETO 230 257 -27 -0,09%   TORINO 2658 1760 898 0,40%
IMPERIA 264 185 79 0,31%   TRAPANI 431 282 149 0,31%
ISERNIA 106 70 36 0,39%   TRENTO 502 311 191 0,37%
LA SPEZIA 221 146 75 0,36%   TREVISO 879 590 289 0,33%
L’AQUILA 262 186 76 0,25%   TRIESTE 203 138 65 0,41%
LATINA 611 386 225 0,39%   UDINE 437 328 109 0,22%
LECCE 859 480 379 0,50%   VARESE 755 462 293 0,43%
LECCO 230 174 56 0,22%   VENEZIA 758 584 174 0,23%
LIVORNO 336 442 -106 -0,32%   V.C. OSSOLA 118 85 33 0,26%
LODI 157 140 17 0,10%   VERCELLI 159 98 61 0,38%
LUCCA 393 285 108 0,25%   VERONA 961 610 351 0,36%
MACERATA 355 230 125 0,33%   VIBO VALENTIA 148 97 51 0,36%
MANTOVA 349 291 58 0,15%   VICENZA 754 600 154 0,19%
MASSA-CARRARA 201 152 49 0,22%   VITERBO 345 234 111 0,29%
MATERA 185 101 84 0,38%   ITALIA 62.391 40.133 22.258 0,36%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

 

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments