Superbonus 110%: online le prime FAQ dell’ENEA

0
156

Ok al Superbonus 110% per gli interventi sulle parti comuni degli edifici, anche se negli appartamenti sono stati commessi piccoli abusi edilizi. È una delle novità contenute nel Decreto Agosto, convertito definitivamente in legge dopo l’approvazione, con fiducia, alla Camera dei Deputati.

La legge chiarisce anche il concetto di accesso autonomo e semplifica l’iter che l’assemblea condominiale deve seguire per deliberare i lavori in condominio.

Le asseverazioni dei tecnici sullo stato legittimo degli immobili plurifamiliari, e i relativi accertamenti, devono essere riferiti esclusivamente alle parti comuni degli edifici interessati dagli interventi.

Questo significa che si possono realizzare gli interventi sulle parti comuni dei condomìni in cui uno o più condòmini abbiano commesso delle irregolarità nei propri appartamenti, a condizione che tali irregolarità non riguardino le parti comuni.

Per “accesso autonomo dall’esterno” si intende un accesso indipendente, non comune ad altre unità immobiliari, chiuso da cancello o portone d’ingresso che consenta l’accesso dalla strada o da cortile o giardino anche di proprietà non esclusiva.

“In questo modo – ha commentato il sottosegretario Alessio Villarosa dalla sua pagine Facebook – saranno ancora più numerosi i soggetti che potranno beneficiare della norma”.

Per richiedere un finanziamento bancario o per esercitare l’opzione dello sconto in fattura o della cessione del credito, sarà sufficiente la maggioranza di un terzo dei millesimi di proprietà dell’edificio, invece dei due terzi.

In questo modo, la procedura si allinea a quella da seguire per la delibera dei lavori agevolati con il Superbonus, che richiede la maggioranza degli intervenuti in assemblea e almeno un terzo del valore dell’edificio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here