Il presidente di FederCepi Antonio Lombardi: nessuna vera semplificazione. E le opere bloccate sono ancora tantissime

0
80

Non solo l’aeroporto, ma tante strategiche per la provincia di Salerno non partono e restano incagliate. Il commissariamento non sarebbe stata affatto una soluzione, giacché ogni commissario nominerà tecnici ed esperti e non risolverà affatto il problema delle opere ferme.
Oltre all’aeroporto, a Salerno sono fermi gli interventi di ripascimento del litorale, previsti sistematicamente in tutte le finanziarie dal 2001 ad oggi; sono fermi i grandi progetti per la depurazione, l’ammodernamento delle reti irrigue, inattuato per più del 50% dei fondi già disponibili.
Questo Decreto non segna affatto quel cambio di passo che avevamo chiesto al Governo. Valutiamo molto negativamente anche la mancata elevazione della quota di subappalto, e auspichiamo una vera sburocratizzazione del Codice degli appalti con una revisione dell’iter autorizzativo delle opere pubbliche.
Le opere bloccate oltre 400 con finanziamenti già previsti per oltre 28 miliardi. Si è data priorità ad opere scelte sulla base di pressioni territoriali che scontano la grandezza dei bacini elettorali, più che alla effettiva strategicità dell’opera. Si poteva e si doveva invece agire sul decreto 50/2016, sburocratizzando completamente il sistema degli appalti e delle autorizzazioni. Così il problema non lo si risolve affatto: per l’aeroporto ma pur tutte le opere pubbliche bloccate.

Il presidente nazionale di

FederCepi Costruzioni

Antonio Lombardi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here