martedì 5 Luglio 2022
HomeIn primo pianoRichiesta di FederCepi Costruzioni a Regione e Governo: "Oltre 6.000 iscritti, anche...

Richiesta di FederCepi Costruzioni a Regione e Governo: “Oltre 6.000 iscritti, anche noi ai tavoli istituzionali”

FederCepi Costruzioni ha nei giorni scorso formalizzato nei giorni scorsi a Governatori, Assessori regionali, ministri e sottosegretari, la richiesta ufficiale di partecipare a tutti i tavoli di confronto e concertazione in materia di lavoro, edilizia, infrastrutture.

Un atto doveroso, spiega il presidente nazionale Antonio Lombardi, dal momento che FederCepi Costruzioni, «in pochi anni è riuscita a conquistare una significativa rappresentatività nel comparto, con 6.724 imprese associate su tutto il territorio nazionale, quasi il 50% in Campania».

Federcepi Costruzioni è stata costituita nel 2017. È la federazione delle costruzioni di CEPI (Confederazione Europea delle Piccole Imprese), nata sua volta nel 2007. Dal 5 settembre 2007 la Confederazione ha ottenuto il riconoscimento dal Ministero del Lavoro come Organizzazione rappresentativa a livello Nazionale, con conseguente autorizzazione a stipulare le Convenzioni con gli Enti Previdenziali per la riscossione dei Contributi Associativi di artigiani e commercianti ex lege 311/73, degli imprenditori agricoli e dei coltivatori diretti, ai sensi della legge 12 marzo 1968, n. 334, delle aziende assuntrici di manodopera e dei piccoli coloni e compartecipanti familiari (p.c.c.f.), ai sensi della legge 12 marzo 1968, n. 334, sulle prestazioni pensionistiche ai sensi della legge 11 agosto 1972, n. 485.

Dal 2016 CEPI è iscritta al Registro per la Trasparenza per l’attività di lobby in rappresentanza di diversi settori, quali ambiente, industria, agricoltura, energia, pesca, infrastrutture e trasporti ed altri.

La Confederazione dispone di un proprio Ente Bilaterale, aderisce a due Fondi Interprofessionali, Formazienda e Fonditalia, numerose sedi hanno il CAF, ed ha un proprio Ente di Formazione; è capillarmente presente sul territorio regionale con circa 28 sedi in Campania.

Tali sedi associano circa 8.000 fra piccole e microimprese campane, di cui il 40% circa è composto da aziende edili, seguite da artigiani e commercianti, aziende agricole, autotrasportatori e qualche studio di professionisti.

L’associazione offre loro tutela sindacale attraverso una rappresentanza nelle sedi istituzionali e una serie di servizi, tra cui quello assicurativo, assistenza legale, agevolazioni con operatori telefonici, cessione del quinto stipendio e pensione, efficientamento energetico, commercializzazione ed internazionalizzazione di prodotti.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments