Piano da 385 milioni per bonifica amianto di scuole e ospedali

0
169

Stanziati 385 milioni per il “Piano di bonifica amianto”, al fine di rimuovere l’amianto dalle scuole e dagli ospedali.

Il Piano è stato approvato dal CIPE nel 2016, con l’Addendum al Piano operativo “Ambiente” – FSC 2014-2020. Sulla base di questo, il MATTM (Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio del Mare) ha dato il via alla Direzione generale STA per lo stanziamento della somma suddetta.

I fondi saranno destinati unicamente alle Regioni e Province autonome che, oltre al denaro, riceveranno tutte le informazioni e le competenze necessarie per procedere alla rimozione dell’amianto dalle scuole e dagli ospedali.

All’interno del Piano sono già stati individuati i beneficiari e le modalità di ripartizione dei fondi. Sono esplicati inoltre i metodi di trasferimento del denaro a Regioni e Province autonome. Queste avranno il dovere di riconoscere quali sono gli interventi più urgenti da realizzare, e di comunicarli al MATTM. Inoltre, saranno sempre le regioni e le province che si occuperanno di gestire i fondi ricevuti e provvedere che gli interventi vengano realizzati.

Come accennato, il Ministero garantisce agli enti beneficiari una completa formazione riguardo le modalità di attuazione della bonifica. Secondo le regole del Piano operativo “Ambiente”, la Direzione generale ministeriale gestirà anche la verifica delle spese. I beneficiari infatti, avranno il dovere di comunicare e condividere ogni informazione o spesa con lo Stato, in favore di una corretta gestione di tutti i procedimenti.

Tutti gli interventi dovranno essere conclusi entro il 31 dicembre 2025.

I 385.644.473 milioni di euro stanziati per il Piano bonifica amianto al fine di rimuovere l’absesto dagli edifici scolastici e ospedalieri sono stati ripartiti tenendo conto delle particolari esigenze di ogni Regione e Provincia autonoma, privilegiando ovviamente gli interventi più urgenti. I fondi sono divisi così:

107.791 milioni per la Regione Sicilia;
74.799 milioni per la Regione Puglia;
43.276 milioni per la Regione Calabria;
35.175 milioni per la Regione Sardegna;
20.147 milioni per la Regione Abruzzo;
18.384 milioni per la Regione Basilicata;
16.754 milioni per la Regione Lombardia;
14.160 milioni per la Regione Lazio;
10.157 milioni per la Regione Veneto;
10.130 milioni per la Regione Toscana;
10.115 milioni per la Regione Molise;
8.796 milioni per la Regione Emilia-Romagna;
4.766 milioni per la Regione Marche;
3.128 milioni per la Regione Friuli-Venezia Giulia;
2.545 milioni per la Regione Umbria;
2.125 milioni per la Provincia di Bolzano;
1.426 milioni per la Provincia di Trento;
1.161 milioni per la Regione Piemonte;
800.478 mila per la Regione Valle d’Aosta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here