Ddl Bilancio. 2,5 miliardi per la rigenerazione urbana. Ma fino al 2034 e previo “decreto di concerto”

0
111

Tanti, tantissimi, i decreti attuativi che condizioneranno pesantemente la concreta attuazione degli investimenti previsti dall’ultimo Ddl Bilancio.
La dote di 4 miliardi – sempre agli enti locali – per interventi su edilizia, dissesto, strade, beni culturali e ambiente, è ancora lontana dall’attuazione perché le risorse sono previste nel periodo 2025-2034, con 400 milioni ogni anno. Dell’attuazione di questo futuro programma si comincia a parlare nel 2024.
Con uno o più Dpcm di concerto Economia e Interno e previa intesa in Conferenza Stato-città da emanare entro il 31 marzo 2024 si decideranno: criteri di riparto e modalità di utilizzo delle risorse; monitoraggio; rendicontazione e verifica delle risorse assegnate; modalità di recupero ed eventuale riassegnazione delle somme non utilizzate. L’individuazione degli importi avviene con un Dm Interno di concerto Economia e previa intesa in sede di Conferenza unificata da emanare entro 30 giorni dopo la pubblicazione del Dpcm.
Fondi ai comuni/4. Fondo per la progettazione (art. 8, commi 16-23)
Il fondo di 2,783 miliardi in totale per il periodo 2020-2034, a cominciare da 85 milioni sull’annualità 2020, destinato alle spese tecniche di progettazione definitiva ed esecutiva di varie opere, richiede un decreto Interno di concerto Economia da emanare entro il 28 febbraio di ciascun anno – quindi 28 febbraio 2020 in prima attuazione – a fronte di richieste che gli enti locali dovranno far pervenire al ministero dell’Interno entro il 15 gennaio di ogni anno, e quindi entro il 15 gennaio 2020 in prima attuazione.
Gli enti locali – che potranno chiedere il finanziamento di massimo tre interventi per ogni anno – devono indicare nelle loro richieste: le informazioni riferite al livello progettuale per il quale si chiede il contributo e il codice unico di progetto dell’opera da realizzare; le informazioni necessarie per permettere il monitoraggio complessivo degli interventi. Si richiede inoltre che il progetto dell’opera sia incluso nella programmazione comunale.
La progettazione deve essere affidata entro tre mesi dalla data di emanazione del Dm Interno-Economia con indicato il contributo assegnato al comune (quindi, teoricamente, entro il 31 maggio 2020 in prima attuazione). In caso contrario scatta la revoca, sempre disposta dal Viminale.
Fondi ai comuni/5. Asili nido (art. 8, commi 24-25)
Particolarmente “concertata” l’attuazione della misura che riguarda il finanziamento di interventi per la messa in sicurezza, la ristrutturazione o la ricostruzione di asili nido comunali. La misura prevede una dotazione di 2,5 miliardi di euro in totale sul periodo 2021-2034, e quindi con zero risorse nel 2020.
Entro il 15 gennaio 2020 dovrà vedere la luce un Dpcm di concerto Economia, Interno, Istruzione, Lavoro e Pari opportunità, previa intesa in conferenza Stato-città che individua i criteri di riparto, le modalità di utilizzo delle risorse, di monitoraggio, rendicontazione e verifica, oltre alle modalità di recupero ed eventuale riassegnazione delle somme non utilizzate.
Fondi a province e città metropolitane (art. 8, commi 27-28)
Dei 3,45 miliardi stanziati a favore di province e città metropolitane per interventi di messa in sicurezza delle strade e la manutenzione straordinaria e l’efficientamento energetico delle scuole le uniche risorse sul 2020 consistono in 100 milioni di euro, mentre il resto è distribuito sugli anni 2021-2034.
L’attuazione richiede un Dpcm di concerto Economia, Infrastrutture, Interno e Istruzione, previa intesa in conferenza Stato-città, da adottarsi entro il 31 gennaio 2020. Il decreto dovrà indicare le risorse per ciascun settore di intervento, i criteri di riparto e le modalità di utilizzo delle risorse. Con un successivo Dm interministeriale (di ciascun dicastero interessato e di concerto con l’Economia) da emanarsi entro 30 giorni dalla pubblicazione del Dpcm, saranno individuati gli enti beneficiari del finanziamento.
Il piano rinascita urbana – che complessivamente dispone di 853,81 milioni sul periodo 2020-2033 (in capo al neonato fondo “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare”), con 12,18 milioni per l’annualità 2020 – prevede una messa a regime che non richiede solo provvedimenti attuativi ma anche la costituzione di una commissione di valutazione di progetti in base a criteri ancora da decidere.
L’ambizione è quella di rinnovare il tessuto urbano, in particolare quello delle periferie, a partire dalla cura di situazioni di sofferenza abitativa. Il coinvolgimento nel piano di Regioni, province e comuni, oltre a quello degli operatori privati rende la sfida particolarmente complessa, il cui onere sarà in capo al Mit e in particolare al dipartimento di edilizia abitativa. Le proposte di finanziamento dovranno pervenire al Mit – entro un termine ancora non definito – da parte di Regioni, Città metropolitane, comuni capoluoghi di provincia, la città di Aosta e i tutti i comuni con più di 60mila abitanti. Le proposte dovranno essere valutate da una Alta commissione incardinata a Porta Pia.
Il primo provvedimento a vedere la luce sarà il decreto di costituzione dell’Alta commissione che dovrà valutare i progetti. Se il testo del Ddl resterà invariato, l’emanazione dovrebbe avvenire entro il 30 gennaio 2020, cioè 30 giorni dopo l’entrata in vigore della manovra di Bilancio. La commissione sarà composta da sei rappresentanti del Mit, di cui uno con funzioni di presidente, un rappresentante ciascuno di regioni, comuni, ministero Interno, ministero Beni culturali e un rappresentante del Dipe.
Il secondo provvedimento dovrebbe vedere la luce entro il 1 marzo 2020 (60 giorni dall’entrata in vigore della manovra) con il quale definire: termini, contenuti e le modalità di presentazione delle proposte (con relativo cronoprogramma di attuazione da parte di regioni, città metropolitane e gli altri enti locali interessati); entità massima del contributo riconoscibile (con tempi e relative modalità di erogazione); criteri per la valutazione delle proposte. In particolare il provvedimento consiste in un decreto Infrastrutture di concerto Economia e Beni culturali, previa intesa con la Conferenza unificata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here