Ecobonus con sconto in fattura: il credito d’imposta può essere ceduto dall’impresa ai propri fornitori

0
208

Un emendamento dei relatori al Decreto Crescita prevede che il fornitore di un intervento che fruisce dell’ecobonus, ha a sua volta la facoltà di cedere il credito d’imposta ai propri fornitori di beni e servizi (senza però alcuna possibilità da parte di questi ultimi di ulteriori cessioni).

L’obiettivo dell’emendamento è quello di incentivare la realizzazione di interventi di efficientamento energetico e di prevenzione del rischio sismico, superando alcune criticità operative riscontrate nel funzionamento dello strumento della detrazione fiscale.

L’articolo 10 del Decreto Crescita (n. 34 del 30 aprile scorso) introduce la possibilità per il soggetto che sostiene le spese per gli interventi in questione, di ricevere un contributo, anticipato dal fornitore che ha effettuato l’intervento, sotto forma di sconto sul corrispettivo spettante. Tale contributo può essere poi recuperato come credito d’imposta, da utilizzare in compensazione.

Critiche sulla procedura sono state sollevate da più parti. In particolare, per quanto riguarda la complessità delle procedure adottate per il riconoscimento dei benefici fiscali in un’unica soluzione e relativamente ai rischi, per le piccole imprese, di rimanere “schiacciate” dai grandi fornitori, ultimi acquirenti dei crediti d’imposta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here